Collana "Ecclesia Mater. Studi e ricerche"

EDIZIONE ANNOTATA DEGLI SCRITTI MATEMATICI

DI ANTONIO ROSMINI

(di Monica Ugaglia)

 

Comunichiamo l’avvenuta pubblicazione del decimo volume della collana “Ecclesia Mater”. Studi e ricerche” nata da un accordo editoriale con Lateran University Press e diretta dal Preside e Vice-Preside pro-tempore dell’Istituto.

La collana vuole promuovere ed essere espressione dell’attività accademica dei docenti dell’ISSR “Ecclesia Mater”. Divisa in due sezioni – studi e ricerche – la collana intende realizzare e diffondere alcuni strumenti per l’insegnamento, nonché i risultati delle ricerche di quanti come docenti afferiscono all’Istituto.

Il volume contiene il frutto di un progetto d'indagine promosso dall'area di ricerca SEFIR dell'ISSR Ecclesia Mater. SEFIR da quasi vent'anni offre un qualificato luogo di incontro e dialogo a teologi, filosofi, storici della scienza e cultori di discipline quali la matematica, l'informatica, la fisica, la chimica, la biologia, l'ingegneria, etc. In tale contesto non sorprende l'interesse per il rapporto che ha avuto con la matematica una figura significativa come quella di Rosmini.

MONICA UGUAGLIA dopo il PhD in fisica matematica alla SISSA ha intrapreso un percorso di ricerca storico filosofica che va dall'indgine sulla scienza Aristotelica (L. Garzoni, Trattati della Calamita, FrancoAngeli 2006) al commento delle opere di Aristotele (Fisica, libro III, Carocci 2011). Dal 2000 collabora con SEFIR (Modelli idrostatici del moto da Aristotele a Galileo, LUP 2004).

 

31/01/2017 torna su

INTERPRETAZIONI FENOMENOLOGICHE DEL CRISTIANESIMO

(di Adriano Ardovino)

 

Comunichiamo l’avvenuta pubblicazione del nono volume della collana “Ecclesia Mater”. Studi e ricerche” nata da un accordo editoriale con Lateran University Press e diretta dal Preside e Vice-Preside pro-tempore dell’Istituto.

La collana vuole promuovere ed essere espressione dell’attività accademica dei docenti dell’ISSR “Ecclesia Mater”. Divisa in due sezioni – studi e ricerche – la collana intende realizzare e diffondere alcuni strumenti per l’insegnamento, nonché i risultati delle ricerche di quanti come docenti afferiscono all’Istituto.

Ricollegandosi a un quadro teorico già articolato in precedenza (Heidegger. Esistenza ed effettività, Milano, 1998), gli studi raccolti in questo volume toccano questioni che vanno dal rap porto tra fenomenologia e teologia all'analisi del tempo e della dimenticanza nelle Confessioni di Agostino, dalla dialettica tra ontologia greca e vita cristiana all'analisi discorsiva dell'indicazione formale come nucleo essenziale del metodo fenomenologico. In appendice, la traduzione di un breve seminario heideggeriano del 1924sul problema del peccato in Lutero e un saggio sulla fortuna del marcionismo nel Novecento tedesco.

ADRIANO ARDOVINO (Roma 1973) insegna Filosofia teoretica presso l'Università di Chieti. È autore e curatore di numerosi studi sul pensiero moderno e contemporaneo e di diverse edizioni italiane, tra cui: Sentieri della differenza. Per un'introduzione a Heidegger (Roma, 2008); Raccogliere il mondo. Per una fenomenologia della Rete (Roma, 2011); Interpretazioni fenomenologiche di Eracllto (Macerata, 2012); E. Fink, Le domande fondamentali della filosofia antica (Roma, 2013).

07/10/2016 torna su

IL SISTEMA SACRIFICALE ISRAELITICO

alla luce della Pasqua e nella Tradizione Rabbinica

(di Fulvio Di Giovambattista)

 

Comunichiamo l’avvenuta pubblicazione dell'ottavo volume della collana “Ecclesia Mater”. Studi e ricerche” nata da un accordo editoriale con Lateran University Press e diretta dal Preside e Vice-Preside pro-tempore dell’Istituto.

La collana vuole promuovere ed essere espressione dell’attività accademica dei docenti dell’ISSR “Ecclesia Mater”. Divisa in due sezioni – studi e ricerche – la collana intende realizzare e diffondere alcuni strumenti per l’insegnamento, nonché i risultati delle ricerche di quanti come docenti afferiscono all’Istituto.

In questo saggio, al classico approccio della ricerca di punti di contatto, formali o semantici, del sistema sacrificale israelitico con le prassi sacrificali e le sottostanti concenzioni dei popoli dell'Antico Vicino Oriente, si affianca un'ulteriore e, soprattutto, nuova chiave interpretativa, che evidenzia come in una qualche forma nei vari sacrifici, fatte salve le peculiarità di ognuno di essi, si riverberasse e si prolungasse la celebrazione della Pasqua e del sacrificio pasquale.

FULVIO DI GIOVAMBATTISTA (1957), entrato nel Cammino Neocatecumenale nel 1974, è presbitero di Roma dal 1990. Laureato in ingegneria elettronica a "La Sapienza", ottiene la licenza in S. Scrittura al PIB e il dottorato in Teologia alla PUG. E' stato Rettore del Seminario Redemptoris Mater e Professore di ebraico e AT alla Facoltà di Teologia di Lugano, e poi all'ISSR Ecclesia Mater della PUL.

12/07/2016 torna su

MUSICA E FILOSOFIA

Il suono traccia dell’invisibile in Ernst Bloch

(di Claudia Caneva)

 

Comunichiamo l’avvenuta pubblicazione del settimo volume della collana “Ecclesia Mater”. Studi e ricerche” nata da un accordo editoriale con Lateran University Press e diretta dal Preside e Vice-Preside pro-tempore dell’Istituto.

La collana vuole promuovere ed essere espressione dell’attività accademica dei docenti dell’ISSR “Ecclesia Mater”. Divisa in due sezioni – studi e ricerche – la collana intende realizzare e diffondere alcuni strumenti per l’insegnamento, nonché i risultati delle ricerche di quanti come docenti afferiscono all’Istituto.

Bloch ha definito la musica il sognato castello, il brivido interiore, il razionale dell’irrazionale, le ardenti braccia del desiderarsi a casa, l’humanum utopico del mondo, quell’appello lanciato verso ciò che manca. L’originalità del suo pensiero è nell’aver individuato il profondo legame tra musica, filosofia e speranza, all’unisono con quanto affermato da Nietzsche, Cioran, Marcel, Garcia Morente e Claudel.

CLAUDIA CANEVA ha conseguito il Dottorato di ricerca in Filosofia, la Licenza in Storia della musica ed Estetica musicale e il Bachelor in Teologia. Attualmente insegna all’Istituto Superiore di Scienze Religiose nella Pontificia Università Lateranense, è assegnista di ricerca all’Università degli Studi di Roma Tre ed è docente invitata alla Facoltà di Filosofia dell’Università Salesiana.

07/06/2016 torna su

NOSTRA AETATE

Alle radici del dialogo interreligioso

(di Paolo Trianni)

 

Comunichiamo l’avvenuta pubblicazione del sesto volume della collana “Ecclesia Mater. Studi e ricerche” nata da un accordo editoriale con Lateran University Press e diretta dal Preside e Vice-Preside pro-tempore dell’Istituto.

La collana vuole promuovere ed essere espressione dell’attività accademica dei docenti dell’ISSR “Ecclesia Mater”. Divisa in due sezioni – studi e ricerche – la collana intende realizzare e diffondere alcuni strumenti per l’insegnamento, nonché i risultati delle ricerche di quanti come docenti afferiscono all’Istituto.

La Dichiarazione Nostra Aetate rappresenta uno dei testi più innovativi e dibattuti del Concilio Vaticano Il. Con essa, per la prima volta nella sua storia, la Chiesa ha preso in esame il complesso mondo delle fedi non cristiane, inaugurando e dando fondamento ad una nuova stagione ecclesiale impostata al dialogo interreligioso. Il saggio ricostruisce la genesi testuale del documento e svolge un'analisi interpretativa dei suoi principali nodi concettuali individuandone le premesse nella riflessione teologica preconciliare.

PAOLO TRIANNI insegna presso l'Università Urbaniana ed il Pontificio ateneo sant'Anselmo di Roma. Autore di una decina di curatele, tra  le sue monografie si ricordano: Il monachesimo non cristiano (2008); Henri Le Saux. Un incontro con l'India (2011); Il Cristo di tutti. Teilhard de Chardin e le religioni (2012); Il diritto alla libertà religiosa. Alle fonti di Dignitatis Humanae (2014).

16/05/2016 torna su

ISTITUZIONI DI DIDATTICA GENERALE

(di Rossana Cuccurullo e Paola Maria Delpozzo)

 

Comunichiamo l’avvenuta pubblicazione del quinto volume della collana “Ecclesia Mater. Studi e ricerche” nata da un accordo editoriale con Lateran University Press e diretta dal Preside e Vice-Preside pro-tempore dell’Istituto.

La collana vuole promuovere ed essere espressione dell’attività accademica dei docenti dell’ISSR “Ecclesia Mater”. Divisa in due sezioni – studi e ricerche – la collana intende realizzare e diffondere alcuni strumenti per l’insegnamento, nonché i risultati delle ricerche di quanti come docenti afferiscono all’Istituto.

 
 
Il volume presenta le questioni della Didattica come scienza autonoma e il suo statuto epistemologico in quanto scienza rivolta ai contesti educativi in cui ha luogo l'agire didattico. Per la scuola vengono presentati metodi, strategie e strumenti; alcune riflessioni attengono al rapporto creatività e didattica, ai conflitti interpersonali, alla professionalità docente, alla qualità, alle modalità di progettazione, al curricolo e alla valutazione, alle problematiche multimediali.
 
ROSSANA CUCCURULLO, già Professore di Pedagogia generale - Università di Siena; docente di Didattica Generale - Istituto Ecclesia Mater (PUL). Autrice di volumi, di articoli e di saggi in volumi collettanei.
 
PAOLA MARIA DEL POZZO, Dottore in Pedagogia e Didattica della Religione; docente di Didattica Generale - Istituto Ecclesia Mater (PUL) e del corso opzionale "Economia e bene comune".

19/11/2015 torna su

SCIENCE AND CHRISTIAN FAITH IN POST-COLD WAR EUROPE

(di Giandomenico Boffi e Marijan Sunjic)

 

Comunichiamo l’avvenuta pubblicazione del quarto volume della collana “Ecclesia Mater. Studi e ricerche” nata da un accordo editoriale con Lateran University Press e diretta dal Preside e Vice-Preside pro-tempore dell’Istituto.

La collana vuole promuovere ed essere espressione dell’attività accademica dei docenti dell’ISSR “Ecclesia Mater”. Divisa in due sezioni – studi e ricerche – la collana intende realizzare e diffondere alcuni strumenti per l’insegnamento, nonché i risultati delle ricerche di quanti come docenti afferiscono all’Istituto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This book contains most of the contributions given at the lnternational workshop  twenty-five years after  the fall of the Berlin Wall that took place in Rome, 6-9 November, 2014, with the title SCIENCE AND CHRISTIAN FAITH IN POST-COLD WAR EUROPE: A COMPARATIVE ANALYSIS. The workshop was organized by SEFIR, a research area within Ecclesia Mater, and by SGSS, a study group  at the University of Zagreb, in cooperation with Servizio Nazionale per il Progetto Culturale, a department of the Conference of Catholic Bishops of ltaly.

GIANDOMENICO BOFFI, matematico italiano, è docente ordinario presso l’Università UNINT di Roma e Direttore dell’Area di Ricerca SEFIR (Scienza e Fede nell’Interpretazione del Reale).

MARIJAN SUNJIC, fisico croato, è docente e rettore emerito dell’Università di Zagabria e fondatore del SGSS (Study Group on Science and Spirituality).

29/10/2015 torna su

 

ESSERE E COMUNIONE (di Riccardo Ferri)

Comunichiamo l’avvenuta pubblicazione del terzo volume della collana “Ecclesia Mater. Studi e ricerche” nata da un accordo editoriale con Lateran University Press e diretta dal Preside e Vice-Preside pro-tempore dell’Istituto.
La collana vuole promuovere ed essere espressione dell’attività accademica dei docenti dell’ISSR “Ecclesia Mater”. Divisa in due sezioni – studi e ricerche – la collana intende realizzare e diffondere alcuni strumenti per l’insegnamento, nonché i risultati delle ricerche di quanti come docenti afferiscono all’Istituto.

Il presente lavoro compie un’analisi critica dell’idea di communio elaborata da Gisbert Greshake e da lui considerata il concetto-chiave di tutta la teologia. Attraverso un’attenta lettura della prima sezione di Der dreieine Gott (Il Dio unitrino), sono valutati la portata, la consistenza, le potenzialità e i limiti di una categoria di sicuro interesse per la riflessione sul Dio Unitrino e sul senso dell’essere, evidenziando le aree problematiche e le prospettive che da essa si aprono.

RICCARDO FERRI (Massa Carrara), dottore in filosofia e teologia. È professore di Teologia Trinitaria presso la Facoltà di Teologia e l’ISSR “Ecclesia Mater” della Pontificia Università Lateranense; Prelato Segretario della Pontificia Accademia di Teologia. Tra le pubblicazioni: Gesù e la verità, Roma 2007; Il Dio Unitrino nel pensiero di Tommaso d’Aquino, Roma 2010.

09/06/2015 torna su

 

IL DIRITTO ALLA LIBERTA' RELIGIOSA (di Paolo Trianni)

Comunichiamo l’avvenuta pubblicazione del secondo volume della collana “Ecclesia Mater. Studi e ricerche” nata da un accordo editoriale con Lateran University Press e diretta dal Preside e Vice-Preside pro-tempore dell’Istituto.
La collana vuole promuovere ed essere espressione dell’attività accademica dei docenti dell’ISSR “Ecclesia Mater”. Divisa in due sezioni – studi e ricerche – la collana intende realizzare e diffondere alcuni strumenti per l’insegnamento, nonché i risultati delle ricerche di quanti come docenti afferiscono all’Istituto.

  

La Dichiarazione conciliare Dignitatis humanae rappresenta uno dei testi più sofferti, ma anche più rivoluzionari e profetici, del Vaticano II. Con essa la Chiesa riconosce il diritto alla libertà religiosa additando un modello di convivenza civile tra le religioni, e tra le religioni e gli Stati, che ha valore universale. Ciascuna confessione di fede, infatti, è invitata a riconoscersi nelle sue indicazioni per la salvaguardia del valore comune della pace e della dignità umana. Il saggio ricostruisce la sua genesi testuale, ne individua le fonti e svolge un’analisi interpretativa dei suoi principali nodi teologici.

PAOLO TRIANNI svolge attività di docenza presso il Pontificio Ateneo Sant’Anselmo, l’Università Urbaniana e l’Accademia di Scienze Umane e Sociali. Collabora con il Dipartimento di Studi di Impresa Governo Filosofia di Roma Tor Vergata. Autore di svariate curatele e pubblicazioni, è nell’editorial board di Dilatato corde, rivista internazionale del Dialogo Interreligioso Monastico, e fa parte del coordinamento italiano di Religions for peace.

27/11/2014 torna su

 


DAL CERTO AL VERO (di Roberto Rossi)


Comunichiamo l’avvenuta pubblicazione alcune settimane or sono del primo volume della collana “Ecclesia Mater. Studi e ricerche” nata da un accordo editoriale con Lateran University Press e diretta dal Preside e Vice-Preside pro-tempore dell’Istituto.
La collana vuole promuovere ed essere espressione dell’attività accademica dei docenti dell’ISSR “Ecclesia Mater”. Divisa in due sezioni – studi e ricerche – la collana intende realizzare e diffondere alcuni strumenti per l’insegnamento, nonché i risultati delle ricerche di quanti come docenti afferiscono all’Istituto.

Nell’attuale contesto soggettivista, dominato dai dibattiti, scontro tra due o più, il vero dialogo dovrebbe recuperare l’insegnamento socratico-platonico, quello di avviare le risposte a partire dai presupposti dei propri interlocutori. Questo è stato il caso di Wittgenstein. Il suo lavoro fu così in linea con i propri interlocutori neopositivisti del Circolo di Vienna e con i filosofi analisti della Scuola di Cambridge da ingannare, a lungo, i suoi stessi referenti, che lo hanno esaltato e celebrato e considerato, tranne alcune eccezioni, uno di loro. Il suo pensiero fu di tale rilevanza filosofica da delineare una sorta di modello relazionale tra filosofia e scienza. La credibilità di questa (apparente) pars destruens della metafisica è dunque avallata dagli stessi esponenti più autorevoli del pensiero antimetafisico!
Ma Wittgenstein stava svolgendo la sua dialettica con altro scopo: porre all’attenzione e alla corretta relazione filosofica e scientifica la dimensione dell’indicibile e del silenzio, dimensione che rappresenta il senso fondante del mondo. Quanto più precisamente il dicibile viene regolamentato, ergendosi a inflessibili censori di espressioni giudicate prive di senso per pervenire al Certo, tanto più esplode imprevedibile l’affermazione che ciò che dovrebbe essere davvero decisivo per l’uomo, il Vero, non sia stato neanche sfiorato. Il senso del mondo è fuori dal mondo, l’indicibile è Altro dall’uomo, dalla logica, dal linguaggio, dalla scienza, dall’esperienza. Insomma, è altro rispetto al finito. La sua “definizione” avviene, -può avvenire di conseguenza-, solo indirettamente, attraverso la rigorosa definizione del finito e del dicibile: per questo è il Mistico.

Roberto ROSSI è docente di Introduzione alla filosofia e Storia delle Religioni presso l’ISSR “Ecclesia Mater”. Tra le sue numerose pubblicazioni si ricordano: Introduzione alla filosofia (1993), Fondamento e storia (2005), Le ideologie del Novecento, 3 voll. (2006-12), L’intelligenza della fede (2011).

15/07/2014 torna su

clicca qui per aprire il sommario